Scarlattina desquamazione della pelle

Scarlattina desquamazione della pelle

Il decorso dell’esantema della scarlattina progredisce verso il processo di desquamazione della pelle. Dopo la comparsa del caratteristico esantema rosso scarlatto si assiste alla sua progressiva attenuazione, per cui dopo l’eruzione cutanea che colpisce aree specifiche del corpo quale inguine, ascelle e collo, si assiste ad un coinvolgimento più generale di tutto il corpo. Davvero caratteristica è la distribuzione dell’esantema della scarlattina sul viso, la pelle appare infatti di un caratteristico colore rosso scarlatto tranne nella zona del naso, della bocca e del mento che invece sono percorsi da un inconsueto pallore, tenendo conto di questa estensione dell’esantema sul volto si parla di “maschera scarlattinosa” o Maschera di Filatow. Anche la lingua viene colpita da eruzione per cui la manifestazione dell’esantema si evidenzia con un vistoso arrossamento delle papille a cui si accompagna una patina biancastra. Nello specifico le manifestazioni a livello cutaneo della scarlattina risultano al contatto ruvide e si evidenziano come delle macule a capocchia di spillo di colore rosso scarlatto che non si incrociano ma che invece sono sparati tra loro, inoltre l’esantema tende a schiarirsi  se si esercita una leggera pressione a livello locale a causa del cosiddetto segno della mano gialla. Altre notizie si trovano su Caratteri dell’esantema per diagnosticare la malattia infettiva.

Come si verifica la desquamazione

scarlattina desquamazione della pelle
scarlattina desquamazione della pelle

Durante il suo decorso l’eruzione cutanea tipica dell’infezione batterica va incontro a progressiva attenuazione, per cui nel giro di circa 3-4 giorni l’esantema scarlatto si risolve lasciando il posto ad un processo di desquamazione della pelle che produce delle lamelle sottili. In tal caso la fase di desquamazione segue un andamento selettivo, per cui la produzione di squame ha inizio a partire dal volto per poi proseguire fino a coinvolgere le aree del tronco, per poi coinvolgere anche le mani e la superficie dei piedi. Per maggiori informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo Scarlattina periodo esantematico: come si manifesta l’eruzione cutanea.