Scarlattina i sintomi dei bambini e degli adulti a confronto

Scarlattina i sintomi dei bambini e degli adulti uguali o diversi?

Sebbene il titolo di questo paragrafo potrebbe far sorgere qualche dubbio in merito alla manifestazione della scarlattina nei bambini e negli adulti, è necessario chiarire fin da ora che in caso di scarlattina i sintomi dei bambini e degli adulti non mutano. Questo perchè i sintomi non si manifestano in base all’organismo colpito, ma sono una reazione somatica dell’infezione subita, che in questo caso è causata da un ceppo di streptococco. Quindi, i sintomi che saranno elencati di seguito, si riferiscono si possono manifestare sia nei bambini che negli adulti. Il sintomo principale della scarlattina, è l’esantema che comparare principalmente sul tronco, ma delle volte solo nella zona inguinale, sotto l’ombelico e sulle cosce. L’esantema si sa che è tipicamente caratterizzata da tante macchioline rosse, ma queste che compaiono in caso di scarlattina, ricordano la pelle d’oca. L‘esantema è accompagnata da febbre che mantiene una temperatura di 39-40° per 1-3 giorni, malessere generale, vomito, brividi. Altri sintomi tipici della scarlattina sono:

Tutti i sopracitati sintomi compaiono dopo il periodo di incubazione che dura dai 2 ai 4 giorni. 

Trattamento si o no?

www.bmmagazine.co.uk/business/learn-how-to-get-a-phd-to-benefit-your-business
Per la scarlattina i sintomi dei bambini e degli adulti sono gli stessi

Chi risulta affetto dalla scarlattina di solito guarisce da solo nel giro di due settimane, quindi non ci sarebbe la  necessità di un trattamento, che risulterebbe a base di antibiotici. Tuttavia, questi ultimi possono aiutare a ridurre  la durata dei sintomi e aiutare a prevenire complicazioni gravi (come la febbre reumatica). Inoltre, gli antibiotici aiutano a prevenire la diffusione del contagio  all’orecchio, ai seni, all’osso mastoide, cosi come di contagiare altre persone. (Si veda anche Sintomi scarlattina adulti: la causa è un batterio).Quindi, la scelta di utilizzare o meno il trattamento antibiotico spetta al medico o al pediatra a seconda se il paziente è un adulto o un bambino.