Scarlattina negli adulti: come curarla?

Scarlattina negli adulti: come compare?

La scarlattina è una patologia che viene provocata da una particolare tossina, rilasciata dallo streptococco di gruppo A beta-emolitico. La malattia molto spesso si verifica in una piccola percentuale di pazienti con infezioni da streptococco, come mal di gola o impetigine. Questa malattia batterica causa una caratteristica eruzione cutanea rosso-rosa che si verifica quando i batteri rilasciano tossine. La scarlattina è estremamente contagiosa e le persone possono prenderla anche attraverso la respirazione di batteri presenti nelle piccole goccioline di saliva che fuoriescono in caso di starnuti o rosse. Il contagio può verificarsi anche dopo aver di toccare la pelle di una persona infetta, o toccando superfici o oggetti che la persona infetta ha toccato. La scarlattina è molto rara al giorno d’oggi perché gli antibiotici che vengono usati per trattare le infezioni da streptococco sono molto efficaci. Nonostante ciò, la scarlattina negli adulti può portare alcune complicanze come la febbre reumatica.

Quali sono i primi sintomi?

Scarlattina negli adulti malattia
Scarlattina negli adulti: porta mal di testa e febbre.

Segni e sintomi della scarlattina generalmente appaiono circa 1-4 giorni dopo l’infezione iniziale. I primi sintomi sono solitamente una gola molto irritata e rossa (a volte con macchie bianche o giallastre) e febbre alta. Dopo circa 12 ore inizia a comparire l’eruzione cutanea. Il rash è caratterizzato da macchie rosse che compaiono sulla pelle e che, successivamente, assumono un colorito rosso, del tutto simile a quello delle scottature. La pelle si presenta ruvida, come fosse carta vetrata. Dopo circa sei giorni, l’eruzione di solito svanisce. Nei casi più lievi, l’eruzione cutanea può essere l’unico sintomo. Tra i diversi sintomi della scarlattina ci sono anche difficoltà di deglutizione, malessere generale, mal di testa prurito, nausea, vomito, ecc. In molto pazienti la diarrea e il vomito sono accompagnati a perdita di appetito. Dopo la scomparsa dell’eruzione, poi, la pelle potrebbe iniziare a desquamarsi, soprattutto su piedi, mani e dita. Tra gli antibiotici più efficaci c’è sicuramente la penicillina.